L'Osservatorio Nazionale Condomini e Icover SPA Annunciano una Nuova Collaborazione

per il Miglioramento della Gestione Condominiale

 

Roma

Giugno 2024

L'Osservatorio Nazionale Condomini (ONC) e Icover SPA sono lieti di annunciare la firma di un importante accordo di collaborazione volto a migliorare la gestione e la sicurezza dei condomini in Italia.

Questo partenariato strategico unirà l'esperienza e l'impegno di entrambe le organizzazioni per fornire soluzioni innovative e di alta qualità ai condomini italiani.

L'Osservatorio Nazionale Condomini, guidato dal Presidente Nicola Ricci, è da anni un punto di riferimento per la gestione condominiale, fornendo supporto e consulenza a migliaia di amministratori e residenti su tutto il territorio nazionale.

L'ONC si impegna a promuovere buone pratiche, trasparenza e legalità nella gestione dei condomini, con l'obiettivo di migliorare la qualità della vita dei residenti e garantire una gestione efficiente e sostenibile.

Icover SPA, rappresentata dal Responsabile Tecnico ing. Giuseppe Cafaro, è un'azienda leader nel settore delle certificazioni e ispezioni per la gestione della sicurezza e della conformità condominiale.

L'azienda è nota per il suo impegno nell'innovazione e nella qualità dei servizi offerti, con un'attenzione particolare alla prevenzione dei rischi e alla protezione degli immobili.

L'accordo prevede una serie di iniziative congiunte che includono la promozione di corsi di formazione per amministratori di condominio sulle attività cogenti, lo sviluppo di nuove piattaforme digitali per la gestione delle pratiche condominiali e l'implementazione di soluzioni personalizzate per la protezione dei condomini. Questa collaborazione rappresenta un passo significativo verso una gestione condominiale più efficiente, sicura e orientata al futuro.

"Siamo entusiasti di collaborare con Icover SPA per offrire ai nostri aderenti e ai condomini italiani soluzioni innovative e di alta qualità," ha dichiarato Nicola Ricci, Presidente dell'Osservatorio Nazionale Condomini. "Questa partnership ci permetterà di alzare ulteriormente gli standard di gestione e sicurezza nei condomini."

"È un onore per noi collaborare con l'Osservatorio Nazionale Condomini. Insieme, possiamo trasformare la gestione condominiale in Italia, rendendola più sicura, efficiente e tecnologicamente avanzata," ha aggiunto Ing. Giuseppe Cafaro, Responsabile tecnico di Icover SPA.

Per ulteriori informazioni, si prega di contattare:

Osservatorio Nazionale Condomini

Email: press@oncondomini.it

Telefono: 800 090 297

Icover SPA

Email: info@icoverspa.it

Telefono: 800994480

 

 

 

𝐄𝐅𝐅𝐈𝐂𝐈𝐄𝐍𝐙𝐀 𝐄 𝐀𝐔𝐓𝐎𝐍𝐎𝐌𝐈𝐀

Queste sono ormai le uniche parole da adottare per affrontare il caro energia, dal cittadino all’Amministratore di condominio.

Puntare innanzitutto sulla realizzazione a livello nazionale di gruppi di auto-consumo collettivo nei condomini.

Il nostro Presidente, Nicola Ricci, è stato diretto e chiaro, all’incontro del 30 giugno promosso a Napoli dalla Camera di Commercio di Napoli e organizzato da «Si Impresa» nell’ambito del programma Enterprise Europe Network in collaborazione con Unioncamere Campania e Anea, sull’importanza di questa evoluzione energetica.

«Lavoriamo per costituire gruppi determinati nelle assemblee dei condomini, per gestire l'energia ognuno del proprio palazzo. Ogni famiglia risparmierebbe circa 300€ l’anno».

È ora che i Cittadini puntino al fotovoltaico a casa, per contribuire non solo a ridurre la loro bolletta, ma anche per dire stop al cambiamento climatico e per rendere indipendente il nostro paese in un periodo storico cosi delicato come quello che stiamo vivendo.

Leggi l’articolo dedicato sul Mattino: https://www.ilmattino.it/napoli/citta/napoli_incontro_camera_di_commercio_per_impianti_fotovoltaici_risparmio_energetico-6787567.html?refresh_ce

 

Ufficio Stampa

Osservatorio Nazionale Condomini

press@oncondomini.it

𝐈 𝐜𝐨𝐧𝐝𝐨𝐦𝐢̀𝐧𝐢 𝐞 𝐥𝐞 𝐫𝐢𝐧𝐧𝐨𝐯𝐚𝐛𝐢𝐥𝐢: 𝐚𝐮𝐭𝐨𝐩𝐫𝐨𝐝𝐮𝐳𝐢𝐨𝐧𝐞 𝐞 𝐜𝐨𝐧𝐬𝐮𝐦𝐨 𝐜𝐨𝐥𝐥𝐞𝐭𝐭𝐢𝐯𝐨

NAPOLI

 

DATA  26/03/2022

 

Si è concluso il convegno "𝐈 𝐜𝐨𝐧𝐝𝐨𝐦𝐢𝐧𝐢 𝐞 𝐥𝐞 𝐫𝐢𝐧𝐧𝐨𝐯𝐚𝐛𝐢𝐥𝐢: 𝐚𝐮𝐭𝐨𝐩𝐫𝐨𝐝𝐮𝐳𝐢𝐨𝐧𝐞 𝐞 𝐜𝐨𝐧𝐬𝐮𝐦𝐨 𝐜𝐨𝐥𝐥𝐞𝐭𝐭𝐢𝐯𝐨” dell’Evento ENERGYMED 2022 alla Mostra d’Oltre mare.

“Se finora abbiamo parlato di transizione, quindi di passaggio da uno stato ad un altro, adesso la parola chiave, punto cardine del convegno di oggi, è AUTONOMIA.

Autonomia significa in senso ampio, capacità e facoltà di governarsi e reggersi da sé, quindi di produrre, conservare e consumare un bene senza la dipendenza da altri fornitori.

Lo strumento del superbonus da solo non basta più per compensare alla situazione che stiamo vivendo ora, con la guerra fra Russia e Ucraina.

È arrivato il momento di accelerare e di consentire a tutti i cittadini di godere e raggiungere l’autonomia del proprio immobile.

Questa è la nostra sfida per questo 2022

Uno dei nostri obiettivi è diffondere e divulgare la cultura del rinnovabile con la costituzione di gruppi di autoconsumo collettivo, partendo dai Condomini.

Questo vedrà assoluto protagonista gli Amministratori, figura determinante in questa evoluzione e noi, come centro studio del mondo condominiale, siamo quindi pronti a sostenerli e supportarli, orientandoli verso le migliori soluzioni, con la creazione di programmi di incentivo e di comunicazione.

L’energia pulita è essenziale per promuovere l’indipendenza, l'autonomia ed abbattere gli attuali rincari.

Benefici economici, sociali e ambientali, è inutile aspettare. Si inizia oggi.”

Questo quanto dichiarato dal Presidente dell’Osservatorio Nazionale Condomini, il Dott. Nicola Ricci.

“Transizione che, in virtù dei terribili fatti accaduti e che stanno accadendo in Ucraina, sta subendo un’accelerazione imprevista con delle forti ripercussioni.

Oggi è più che mai fondamentale costituire nuove fonti di produzione energetica, attraverso le rinnovabili. Il vero problema del nostro Paese si chiama BUROCRAZIA. Mentre la media Europea per la costituzione di impianti rinnovabili è di circa 1 anno, in Italia si viaggia con una media che va dai 6 ai 7 anni e che, dopo un iter autorizzativo infinto, vede la realizzazione del solo 50% degli impianti. L’altro 50% rimane sulla carta.

Parlare di autoproduzione di energia è essenziale e i condomini attraverso il meccanismo delle comunità energetiche possono svolgere un ruolo da protagonista per efficientare il comparto immobiliare italiano. Autoconsumo collettivo che consente ai cittadini di autoprodurre e condividere energia da fonti rinnovabili.

Serve una svolta epocale sotto il profilo culturale, economico e sociale dove ogni singolo cittadino deve svolgere il proprio ruolo, non possiamo più permetterci di voltare lo sguardo da un’altra parte.

Per il Dott. Antonio Carofano, Presidente Provinciale Anaci Napoli, gruppi di autoconsumo collettivo nei condomini sono il trampolino di lancio per una rivoluzione energetica in Italia.

"Oggi , per noi Amministratori Professionisti ANACI , è giunto il tempo di fare la DIFFERENZA ! In una Italia dove ci sono circa un 1.200.000 condomini costituiti da circa 30.000.000 di unità abitative ed il cui 70% risulta costruito ante 1974 con standard di economicità energetica bassissimi o del tutto assenti compete a noi Amministratori di Condominio Professionisti ANACI certificati anche ai sensi della UNI 10801, essere nel ns. quotidiano il trait d’union tra il civis e le istituzioni onde addivenire in tempi rapidi alla creazione e costituzione di comunità energetiche nonché gruppi di autoconsumo collettivo.

Infatti oggi disponiamo di una cornice giuridica ben definita, con incentivi economici interessanti e tecnologie avanzate ma la parola “comunità energetica” rimane ancora un concetto da addetti ai lavori.

E’ quindi importante informare i cittadini , come intendiamo fare con il convegno di oggi congiuntamente all’Osservatorio Nazionale Condomini ,di questa possibilità che coniuga vantaggi ambientali, sociali ed economici, soprattutto in un periodo difficile come questo in cui c’è bisogno di alternative per diminuire le emissioni e aumentare l’indipendenza energetica con risparmi anche economici già solo pensando agli aumenti derivanti dalla guerra in Ucraina.

Nella qualità di futuri Tedofori assoluti del cambiamento epocale chiediamo supporto alle istituzioni oggi qui in maniera eccellentemente rappresentate onde congiuntamente diffondere il verbo EFFICIENTARE"

 

Fra le istituzioni, presenti a sostenere questo passo nella sostenibilità economica e ambientale la

Dott.ssa Valeria Ciarambino, Vicepresidente del Consiglio regionale della Campania, anch’essa fortemente impegnata in questo processo attraverso una proposta di legge sul reddito energetico.

Intervento anche per On. Gianni Pietro Girotto, Presidente X Commissione permanente Senato, Industria, Commercio, Turismo in collegamento via web, sulla transizione energetica e l’economia circolare

Il Dott. Fabrizio Luongo, Presidente di "Si Impresa" e Vicepresidente della Cciaa

di Napoli, e ancora l’Ing. Luigi Vinci Presidente di Fondazione dell’Ordine degli ingegneri

di Napoli, il Dott. Amedeo Manzo, Presidente Banca Credito Cooperativo Napoli e ha concluso i saluti il

Dott. Geom. Maurizio Carlino, Presidente Collegio Geometri e Geometri Laureati della Provincia di Napoli.

Un grande coinvolgimento politico e sociale che prevede nei primi mesi azioni sul territorio di informazione e divulgazione, soprattutto per gli Amministratori di Condominio, Tedofori assoluti del cambiamento epocale energetico, cosi come li ha definiti il Dott. Ricci.

 

COMUNICATO STAMPA 26/03/2022 - PRESS

OSSERVATORIO NAZIONALE CONDOMINI

press@oncondomini.it

 

COMUNICATO STAMPA 26/03/2022 - PRESSCOMUNICATO STAMPA 26/03/2022 - PRESSCOMUNICATO STAMPA 26/03/2022 - PRESS

POLIZZA OBBLIGATORIA EVENTI CATASTROFALI: UN ESIGENZA REALE

 

In questi ultimi Anni nel nostro paese, si verificano sempre più spesso avvenimenti catastrofali causati da eventi atmosferici e naturali, i quali provocano danni di notevole importanza a beni mobili e immobili.

La drammatica situazione che si è sviluppata a Catania in questi giorni ci mette in evidenza come eventi del calibro di, alluvioni e inondazioni, possono toccare e mettere in difficoltà le nostre aziende e le nostre proprietà private.

Dissesti idrogeologici, come anche gli eventi sismici, mettono in pericolo le case degli italiani, e solo il 2% ha una copertura assicurativa.

Siamo tra i primi in Europa per acquisto di abitazioni, ma tra gli ultimi per politiche di prevenzione.

L’Osservatorio Nazionale Condomini, sostiene da anni la condizione di rendere obbligatoria una polizza per eventi catastrofali, al fine di intervenire immediatamente dopo il verificarsi dell’evento atmosferico stesso.

Già nel 2019, su volontà del Presidente dell’Osservatorio Nazionale Condomini, Nicola Ricci e di Fabrizio Premuti dell’Associazione Konsumer si discusse di questa problematica, ovvero quella per cui lo Stato non è più in grado di garantire, in termini di efficienza, economicità ed efficacia, la ricostruzione nelle aree colpite dalle calamità naturali.

Il Vice presidente della Commissione Affari sociali della Camera, Michela Rostan, ha presentato poi su questo spunto, una proposta di legge per poter rendere obbligatoria la polizza a tutela delle abitazioni.

La necessità di correre ai ripari e proporre soluzioni alternative a quelle preesistenti era già in atto da tempo, ma non si è agito quando si poteva fare la differenza.

Nei prossimi giorni la protezione civile ha diramato un’allerta Rossa proprio nella zona già colpita di Catania.

Chi garantirà il sostegno economico alle famiglie che avranno perso la propria casa?

La nostra mission resta attiva e speriamo quanto prima possa esserci una svolta e una conferma per la legge ROSTAN.

COMUNICATO STAMPA 27/10/2021 - PRESS

OSSERVATORIO NAZIONALE CONDOMINI

 

Sede: PIAZZA DEI CAMPITELLI 2, 00187 Roma – Numero Verde: 800 090297 – press@oncondomini.it

 

ECOSOSTENIBILITA’, ECONOMIA ED ECOBONUS

LANCIO DELLA PROROGA SUPERBONUS 110%: No a villette e bonus facciate al 90%.

Lo scorso 29 settembre ca, il Consiglio dei ministri ha stabilito che il Superbonus 110% sulla ristrutturazione degli immobili, sarà prorogato fino al 2023.

Secondo le ultime notizie però, riguarderebbe solo i condomini.

Resterebbero quindi fuori le villette e le case unifamiliari.

Il superbonus 110% si è dimostrato un ottimo strumento, per il rinnovo del patrimonio immobiliare italiano e per rilanciare il settore delle costruzioni.

Escludere questo tipo di abitazioni, equivale ad abbandonare la maggior parte dei Comuni italiani dove emerge un tipo di edilizia non condominiale.

Per gli altri bonus edilizi, viene confermato il credito d’imposta al 50% e quello al 65% per ristrutturazioni e riqualificazione energetica, ma non c’è traccia del bonus facciate al 90%

L’Osservatorio Nazionale Condomini sostiene l’importanza della proroga dell’incentivo anche per alleggerire nel tempo i rincari di luce e gas nelle bollette degli italiani.

Superbonus 110% e riqualificazione energetica ridimensionerebbero notevolmente i consumi.

La proprietà di una casa è il primario investimento delle famiglie italiane, e il superbonus entra in supporto proprio per valorizzarla tramite interventi di ristrutturazione e modernizzazione.

Uno strumento dunque da rinnovare a 360° per sostenere l'edilizia.

 

OSSERVATORIO NAZIONALE CONDOMINI

 

Sede: PIAZZA DEI CAMPITELLI 2, 00187 Roma – Numero Verde: 800 090297 – press@oncondomini.it

SUPERBONUS 110% - DRAGHI CONFERMA LA PROROGA FINO AL 2023

 

Dal palazzo Chigi il premier Mario Draghi e il ministro dell'Economia Daniele Franco illustrano il documento di economia e finanza 2021 e nella nota di aggiornamento è presente anche la proroga tanto attesa per il Super bonus.

 

L’Osservatorio Nazionale Condomini da sempre sostenitore di questo importante incentivo rinnova, per i suoi aderenti, i servizi e le aggiornate informazioni riguardanti i bonus energia.

Il superbonus 110% varato nel 2020 si è dimostrato un ottimo strumento per consolidare il patrimonio immobiliare italiano e rilanciare il settore delle costruzioni.

La proprietà di una casa è il primo bene più importante delle famiglie italiane, e il superbonus entra in supporto proprio per valorizzarle tramite interventi di ristrutturazione e modernizzazione.

L’Italia, con oltre 1 milione di condomini, è finalmente pronta per la riqualificazione ambientale e per portarsi al pari degli altri paesi Europei.

Il Consiglio dei ministri ha stabilito che il Superbonus 110% sulla ristrutturazione degli immobili sarà prorogato fino al 2023.

Uno strumento quindi da non tralasciare, un importante opportunità fondamentale per sostenere l'edilizia.

Un provvedimento importante per la quale ringraziamo il nostro Presidente del Consiglio, Mario Draghi, per aver voluto fortemente estenderne la durata.

 

 

 

 

OSSERVATORIO NAZIONALE CONDOMINI

Sede: PIAZZA DEI CAMPITELLI 2, 00187 Roma – Numero Verde: 800 090297 – press@oncondomini.it

EMAIL: osservatorio@oncondomini.it
TELEFONO: 800 090297

SEGUICI SUI NOSTRI SOCIAL 
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram