LA SICUREZZA INTELLIGENTE

23 Ottobre 2021

Questa mattina, su un social, mi sono imbattuto su queste “istruzioni di emergenza” redatte da una maestra a fronte di un alunno che soffre occasionalmente di crisi da anomalie epilettiformi.

Questa insegnante ha predisposto delle semplici ma complete istruzioni da attuarsi in caso di accadimento, coinvolgendo tutta la scolaresca.

Da parte mia va tutta la stima e considerazione per l’approccio intelligente, pragmatico e coinvolgente partendo dalla “semplicità della costruzione del cartello”.

 

Non conosco la preparazione della maestra in riguardo alla sicurezza in generale ma, conforme alla sua conoscenza della materia, mi vengono in mente queste considerazioni:

LA SICUREZZA INTELLIGENTE - BLOG

  1. Se la maestra non ha frequentato corsi specifici sulla sicurezza (oltre i classici previsti per legge), vanno i miei complimenti per l’impostazione mentale pragmatica

 

  1. Se ha frequentato dei corsi specifici sulla sicurezza, ancor più vanno i miei complimenti per non essersi fatta condizionare dalle ridondanze che spesso vengono applicate nel fare prevenzione e gestire la sicurezza con l’unico risultato di essere spesso di difficile comprensione e applicazione (chiunque di noi avrà sperimentato quanto è difficile il “voi siete qui”)

Personalmente sono anni che, nei vari corsi e convegni dove ho l’onore di partecipare come docente o relatore, predico di semplificare al massimo le procedure e istruzioni operative della sicurezza affinché risultino applicabili e non discutibili o interpretabili.

Spesso mi sono chiesto se questa forma di approccio complesso è data dal retaggio di una formazione tecnica o dal voler dimostrare di essere “competenti” e magari indispensabili (già Trilussa diceva che “Se vôi l'ammirazione de l'amichi nun faje capì mai quello che dichi”)

 

Se veramente si vuole fare sicurezza bisogna smetterla, noi consulenti in primis, di rendere tutto complicato (per questo ci sono già i burocrati) con un linguaggio e terminologie comprensibili solo agli addetti. Secondo il mio parere, la sicurezza si fa con una semplice formula M.I.+C. (Minimo Indispensabile + Cervello) dove Minimo Indispensabile sta una corretta valutazione dei pericoli e usando il Cervello, introducendo delle misure indispensabili per eliminare il rischio, senza ridondanze inutili e complesse che hanno il solo fine di non essere seguite o peggio eluse perché portatrici una complessità inapplicabile nella quotidianità.

 

Concludendo questa mia riflessione, mi permetto di suggerire ai colleghi consulenti che dobbiamo prendere esempio dalla maestra, non utilizzare “cintura e bretelle” per tenere su i pantaloni, non essere pozzi di scienza ma fontane di sapere.

 

Bruno Antonio Lerda

Responsabile sicurezza Osservatorio nazionale Condomini


LEGGI ANCHE

24 Agosto 2022
LE SFIDE DEL DOMANI DELL’AMMINISTRATORE SULLA SICUREZZA.

UN NUOVO APPROCCIO È NECESSARIO? La professione dell’Amministratore di Condominio è tra le figure che più ha subito cambiamenti nel corso degli anni. Complici le continue trasformazioni di norme e di leggi che si sono moltiplicate proprio a carico dei conduttori di immobili. Nel tempo c’è stata una trasformazione che ha messo in serie difficoltà […]

LEGGI TUTTO
1 Agosto 2022
ORA BASTA

“Roma, 30 luglio 2022 - Un quattordicenne è morto Folgorato e ucciso a Roma da una scarica del cancello elettrico del condominio in via Regalbuto, alla Borghesiana. Il ragazzino stava giocando con un amico quando ha toccato il cancello ed è rimasto folgorato. Questa, infatti, è la diagnosi di morte, arresto cardiocircolatorio da folgorazione, fatta dai medici del Policlinico Tor Vergara” …Premetto che non conosco […]

LEGGI TUTTO
7 Giugno 2022
TORINO 06.06.2022: SICUREZZA QUESTA SCONOSCIUTA

Si torna a parlare di sicurezza! Si. Torino, lunedì mattina, sul tetto di un’abitazione un uomo lavora senza linee vita e senza attuare nemmeno le basi delle norme di sicurezza. Con la vita non si scherza! È arrivato il momento di agire, le parole non bastano più. Qualsiasi intervento che espone un lavoratore a pericoli, […]

LEGGI TUTTO
20 Aprile 2022
IMPALCATURA PERICOLANTE A LA SPEZIA: Ruoli e responsabilità nella gestione condominiale.

Crolla un ponteggio in via Fiume nello spezzino, e la Pasqua poteva trasformarsi in una tragedia.   È bastato un colpo di vento un po' più intenso per far piegare un’impalcatura installata in pieno centro a La Spezia, provocando la caduta di lamiere da oltre venti metri d'altezza. Quella via è solitamente molto affollata e […]

LEGGI TUTTO
8 Aprile 2022
LA GUERRA DEI MONDI

Come vecchio professionista della sicurezza, dopo esperienze nel settore industriale, da circa trent’anni verticalizzato nel civile per la prevenzione dei rischi negli stabili, questi accadimenti li considero sempre una sconfitta anche personale come relatore, divulgatore, formatore e continuo a chiedermi: “come mai non riesco a fare passare il messaggio etico e morale sul dovere che abbiamo (consulenti, imprese, manutentori, amministratori) di mettere al primo posto la sicurezza per la tutela e l’incolumità della persone e che invece continuiamo, per sottovalutazione, superficialità, sudditanza e a questo punto complicità con il volere dell’assemblea, a giocare con la vita delle persone?”.

LEGGI TUTTO
8 Marzo 2022
PARTECIPAZIONE A CONVEGNI E INCONTRI DI FORMAZIONE

Da qualche tempo, dopo anni di partecipazioni a convegni e percorsi formativi, soprattutto in qualità di relatore, mi chiedo quali sono le motivazioni che spingono dei professionisti a investire il proprio tempo e risorse economiche per frequentare convegni a cui vengono invitati. Certamente, negli anni sono cambiate le necessità di aggiornamento continuo, visto l’evolversi delle […]

LEGGI TUTTO

EMAIL: osservatorio@oncondomini.it
TELEFONO: 800 090297

SEGUICI SUI NOSTRI SOCIAL 
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram